Casalecchio Di Reno: La Storia


La Storia

La prima popolazione a stanziarsi sul territorio di Casalecchio fu quella villanoviana.
Successivamente, la civiltà villanoviana si fuse con quella etrusca. Il ceto aristocratico, sorto da questa fusione, governò tranquillo fino al IV secolo a.C., data che segna l’inizio dell’invasione dei Galli su tutto il territorio italiano.

Furono i Romani, nel III secolo a.C., a scacciare via i Galli dalla penisola.
La divisione del territorio di Casalecchio conserva, ancora oggi, i segni della centuriazione romana. La più grande eredità, lasciata dai Romani alla comunità di Casalecchio, rimane comunque l’Acquedotto del Setta, una conduttura per l’acqua che scorre sotto terra e giunge fino a Bologna.

Durante la dominazione dell’Impero Romano, Casalecchio dipendeva sia dal punto di vista amministrativo che da quello economico, da Bonomia (antico nome del capoluogo di provincia emiliano).

Nonostante gli anni dell’Impero siano stati pacifici per Casalecchio, la crisi economica che colpì Bonomia ebbe delle ripercussioni anche sui territori che a lei facevano capo. In particolare, la via Emilia, un tempo collegamento per i principali scambi commerciali, subì una sorta di declassamento e venne utilizzata quasi esclusivamente per gli scambi interni.

Questa chiusura portò inevitabilmente ad un impoverimento di tutta la regione. In realtà era l’intero sistema economico su cui si basava l’Impero ad avviarsi verso il collasso e questo, divenne la causa delle successive invasioni nemiche che posero fine ad oltre quattro secoli di pace.

Nel 727, Liutprando, re dei Longobardi, invase il territorio bolognese, dando così inizio ad un riassestamento del territorio.

A partire dall’anno 1000, il Comune di Bologna riacquistò la padronanza del territorio circostante: nel 1223, per ragioni difensive oltre che geografiche, Casalecchio fu annesso al Quartiere Sud della giurisdizione bolognese.

Ancora oggi, Casalecchio appare strettamente legato al capoluogo bolognese: questo a causa della sua contiguità territoriale che rende il confine tra le due città estremamente labile.


Hotel convenzionati